LOGO

Il senzatetto scalzo

Nella notte fredda di New York, un poliziotto calzerà i suoi piedi


Un poliziotto e un senzatetto si incontrano. Che cosa credi che succederà? Il poliziotto chiederà che cosa sta facendo seduto in quel marciapiede e lo caccerà da lì... Logico, penserai. Il senzatetto insultare il poliziotto e sarà detenuto per oltraggio... Può darsi. Anche se queste probabilità sono grandi, non è stato quello che è successo. E nemmeno sarebbe potuto succedere.

Lawrence DePrimo ha 25 anni ed è agente in un posto di lotta al terrorismo a New York, Stati Uniti. In una notte di lavoro qualunque, non ci sarebbe stato niente di più interessante per lui che imbattersi in un senzatetto.

Camminando per Times Square, lui vide un uomo seduto in un marciapiede. era un senzatetto. Indossava vestiti strappati e sporchi e portava una borsa con le sue cose più importanti. Ma ciò che ha richiamato l'attenzione di quel poliziotto in divisa è stato il fatto di calzare due calzini e scarponi e il senzatetto era scalzo. In quella notte troppa fredda, il senzatetto era scalzo.

Il poliziotto sentì il freddo che quel senzatetto anziano stava sentendo in se stesso. E con rigidi e pieni di bolle, che non lo scaldavano, l'uomo, anche se era mendicante, non chiedeva niente. Il poliziotto ha scambiato alcune parole con lui ed entrambi proseguivano. Il senzatetto, corroso dal freddo del clima, e per il freddo umano, riusciva a camminare solo perché si appoggiava sul tallone. I due sono andati in un negozio di scarpe.

Il gesto di solidarietà del poliziotto ha influenzato il responsabile del negozio in quel giorno, che ha ceduto il suo sconto speciale di funzionario al gentile compratore. E il prezzo delle scarpe scese da 100 a 75 dollari.

Al ritorno sul marciapiede, l'agente, si è inginocchiato davanti al senzatetto per aiutarlo a mettere le scarpe.

La turista che ha scattato le foto anche oltre ad essere stata influenzata, ha pubblicato l'immagine sulla pagina Facebook del Dipartimento di polizia di New York. Il poliziotto è diventato famoso. E il senzatetto, che dopo aver visto le scarpe, è rimasto così felice che gli si è illuminato il viso.

Lui è il cavaliere più educato che ho conosciuto, ha detto L'agente del senzatetto. Perché è quando usciamo dal nostro status e ci uguagliamo al PROSSIMO abbiamo la capacità di comprendere quello che passa nei suoi occhi. Nella sua pelle. Con i suoi sentimenti.

E il senzatetto, così abituato a non essere visto, né ascoltato; così invisibile davanti agli occhi concentrati; così lasciato indietro davanti ai piedi affrettati, nemmeno ha risposto alla domanda del poliziotto su una tazza di caffè che gli offriva. Ha calzato ai piedi e ha proseguito per il suo cammino. Può darsi che neanche abbia sentito. O già era abituato alla sordità del mondo. O muto davanti alla carenza di parole altrui.

Il poliziotto. Il senzatetto. La mano stesa per la fame. I piedi rinsecchiti dal freddo... Un video che sta anche avendo successo su internet mostra come possiamo contagiare gli altri con effetto domino della gentilezza. Ma questo è un argomento per un'altra tariffa.

Perché non c'è bisogno di molto. No PROPRIO.

Artigos Relacionados

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>


ekmeky evden eve nakliyat

amlca evden eve nakliyat

tuzla evden eve nakliyat